Qualcosa da fare, un vero “angelo custode” per i piccoli comuni e per il loro Tourismall!

Sempre più spesso si parla di TOURISMALL. Il nostro Blog d’informazione Azzonzo.it era curioso di capire in cosa consistesse di preciso, per questo abbiamo intervistato i titolari di Qualcosa da fare, Stefano Pirraglia e Stefano Rosellini.

Ciao Stefano, grazie per averci dedicato il tuo tempo. Sempre più spesso si parla di Qualcosa da fare… mi spieghi di cosa si tratta?

Qualcosa da fare è un portale innovativo, dedicato alle amministrazioni comunali che racconta la storia dei nostri piccoli comuni, eventi, attività, punti di interesse e servizi. Chiunque vi aderisca potrà inserire all’interno del sito tutto ciò che il Paese ha di bello e caratteristico e che i turisti, purtroppo, non conoscono. Non è facile che ci siano piccole amministrazioni con personale dedicato, tempo e risorse. Qualcosa da fare è un prezioso aiuto per il loro turismo! Se i Comuni si affideranno ai nostri Angels, loro sapranno consigliarli, guidarli rendendo il Territorio attivo e aggiornato! In pratica QDF aiuterà il Comune a valorizzare monumenti e punti d’interesse, a creare contenuti validi e diffonderli in rete e sui social per far conoscere la loro storia. Insieme, organizzeremo le attività per farle vivere ad un turismo di qualità!”

Cosa si intende per TOURISMALL?

“E ‘ un perfetto binomio tra due parole e riassume, in maniera esaustiva, le esigenze del turismo di ultima generazione, ovvero il PICCOLO TURISMO. Da un lato c’è la necessità di saziare la fame intellettuale di un turismo in trasformazione, elitario, esploratore e voglioso di tracciare sentieri nuovi sulla mappa; dall’altro quello di rendere giustizia a quel mondo parallelo fatto di piccoli paesi e borghi dimenticati che per decenni hanno vissuto all’ombra delle grandi città invase dal turismo di massa, nonostante siano da sempre la culla delle tradizioni più antiche. La tecnologia ci ha privato dello stupore che si prova la prima volta di fronte alle bellezze del pianeta, noi andiamo controcorrente e la utilizziamo per restituirvi la sindrome di Stendhal che vi meritate.”

Grazie Stefano per il tempo che ci hai dedicato, e voi… Piccoli comuni d’Italia che state aspettando?!

Contattate Qualcosa da fare, perchè il nostro bel Paese ha tanto da offrire e…. noi scegliamo Italia!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: