#pezzidiprato, alla scoperta di Palazzo Pretorio e degli archivi del Museo del Tessuto

Alla scoperta della storia di Prato attraverso le opere custodite all’interno del Museo di Palazzo Pretorio: sono questi i #pezzidiPrato che vengono raccontati nei contributi video realizzati da Rita Iacopino, direttrice scientifica del Museo di Palazzo Pretorio oggi nella videorubrica online sul portale Città di Prato. Storie in pillole dedicate alla peste che più volte nei secoli ha colpito la città, lasciando segni importanti nel tessuto cittadino. Una serie di racconti che prende spunto alle opere per portare alla scoperta di personaggi e luoghi di Prato.

#pezzidiprato è un progetto dell’assessorato alla Cultura del Comune in collaborazione con la Biblioteca comunale Lazzerini, il Centro per l’arte contemporanea Pecci, il Metastasio, il Museo del Tessuto, Palazzo Pretorio e la Camerata Strumentale Città di Prato che parleranno di sè attraverso brevi video di un minuto circa. Un modo per mantenere il rapporto con il pubblico, anche in un momento come quello attuale, e per scoprire nuovi aspetti delle nostre eccellenze culturali. Domani 7 aprile sarà invece la volta del Museo del Tessuto: reinterpretare i trend per proporre idee nuove cercando nuovi stimoli, a questo serve l’archivio del Museo del Tessuto, che mette a disposizione tantissimo materiale per i designer in cerca di ispirazione. Il presidente del Museo del Tessuto Francesco Marini ci invita a scoprire questo patrimonio.

Segnatelo tra le cose da fare non appena potremo tornare alle nostre vite. “Le curiosità, i luoghi un po’ nascosti da valorizzare, gli archivi sconosciuti. Questo progetto ci ha permesso di riscoprire i dettagli , quei “pezzi “ un po’ scordati ma estremamente preziosi afferma il presidente Marini – E il tempo obbligato ci stimola cultura ma anche ingegno per trovare nuovi spunti creativi. In questa ottica ritengo fondamentale il focus sull’ archivio storico del museo e la sua parte contemporanea , gli archivi libri tendenza , le collezioni donate. Tutto patrimonio al servizio dei fruitori più disparati , dal curioso all’ appassionato , dal brand di moda al tecnico tessile. Il Museo del Tessuto si conferma così fonte di ispirazione oltre a custode della nostra storia. E con i mezzi digitali tutto diventa più facile per visitarlo e perdersi nel suo fascino”.

Un racconto corale che potete arricchire anche voi, postando le vostre immagini e le vostre storie usando l’hashtag #pezzidiprato.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: