Toscana: dal 4 maggio saranno potenziati i servizi. Tornano il 55 per cento dei treni, l’85 dei bus

Con l’avvio della Fase 2 dell’emergenza Coronavirus, la Toscana torna a potenziare il servizio di trasporto pubblico, sia su ferro che su gomma, dando attuazione alle disposizioni contenute nel Dpcm del 28 Aprile.
A partire da lunedì 4 maggio i servizi ferroviari, che erano stati ridotti al 30% nel periodo del lockdown, torneranno al 55% del servizio ordinario, questo comporterà il ritorno in programmazione di circa 100 treni in più rispetto ad oggi.
Per quanto riguarda il servizio su gomma, invece, dall’attuale programmazione – pari al 60% del servizio ordinario – si risalirà all’85%, garantendo l’offerta ordinaria con la sola esclusione dei servizi scolastici. Saranno, inoltre, confermate tutte le corse aggiunte nel periodo di emergenza a seguito del monitoraggio svolto e del costante confronto con l’utenza.
Saranno le aziende gestori del servizio a fornire informazioni di dettaglio e orari dei servizi. In questo senso, Trenitalia ha già predisposto un piano di comunicazione rivolto all’utenza, che sarà attuato nei prossimi giorni.

“Sarà fondamentale – spiega l’assessore Ceccarelli – la massima collaborazione da parte degli utenti per garantire la sicurezza di tutti, anche se siamo i primi ad essere consapevoli che con le regole attuali la capienza dei mezzi, con particolare riferimento ai bus, si rivelerà inadeguata man mano che crescerà la domanda di servizio. Al momento è, in ogni caso, fondamentale che gli utenti siano dotati di apposite mascherine protettive e preferibilmente anche di guanti, tanto più laddove si verificassero condizioni di affollamento superiori a quelle consentite, come non è improbabile che si possa verificare”.

“Abbiamo chiesto alle aziende il massimo impegno possibile – aggiunge Ceccarelli – con l’impiego di tutto il personale disponibile per l’attività di supporto e di informazione ai cittadini e per i controlli volti a garantire il rispetto delle regole e la masima riduzione del rischio di contagio. Abbiamo inoltre scritto ai Comuni e alle Prefetture, affinchè si pongano in essere tutte le misure necessarie per l’informazione ai cittadini, per la prevenzione e per il rispetto delle regole fissate, attivando a questo scopo sia gli organi di polizia locale, ma mobilitando anche quelle che possono essere le risorse territoriali e del volontariato di protezione civile”.

L’ordinanza sulla Fase 2 del tpl in Toscana, in preparazione, punterà anche a garantire la gratuità per il trasporto a bordo dei mezzi di biciclette o monopattini, con l’obiettivo di favorire il ricorso alla mobilità sostenibile, anche integrata con i mezzi pubblici.
Resta attivo fino al mese di settembre anche il bonus che la Regione riconosce agli abbonanti dei treni per l’acquisto di bici pieghevoli.

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: