Prato celebrerà la Festa della Liberazione, anche in tempi di Coronavirus. Ecco le iniziative

Sabato prossimo 25 aprile ricorrerà il 75° anniversario della Liberazione dal nazifascismo e anche nel rispetto delle attuali normative di legge  e degli obblighi del distanziamento sociale, il Comune di Prato vuole ugualmente ricordare il sacrificio e i valori profondi di chi ha fatto la Resistenza e l’impegno di tantissimi per la libertà e la costruzione della democrazia: così sabato mattina il sindaco Matteo Biffoni, i rappresentanti dell’Associazione Nazionale Partigiani  Anpi, l’Associazione Nazionale Ex Deportati Aned e l’Associazione Nazionale Combattenti e reduci deporranno delle corone d’alloro alla lapide commemorativa in piazza del Comune e al monumento ai Caduti in piazza Santa Maria delle Carceri. Inoltre come tutti gli anni lo stesso omaggio sarà reso ai monumenti e ai cippi commemorativi sparsi in tutto il territorio dal presidente del Consiglio comunale Gabriele Alberti.

Ma la cerimonia ufficiale non sarà l’unica celebrazione della giornata: l’Amministrazione comunale infatti parteciperà alla manifestazione della “piazza virtuale” di Anpi “Io resto libero“, che sabato 25 aprile dalle 14.30 sarà  trasmessa in streaming sulla pagina Facebook e da altre piattaforme : in programma ci sono l’Inno di Mameli cantato da Tosca e gli interventi, condotti dall’attrice Lella Costa. Alle 15 la chiusura intonando  Bella Ciao insieme ad  ANPI: il Comune di Prato invita i cittadini a partecipare e a condividere le proprie storie cantando Bella Ciao su Instagram e Facebook taggando  la pagina @cittadiprato. Saranno utilizzati per un video che il Comune di Prato sta realizzando sul 75° anniversario della Liberazione. Un modo per stare uniti, anche ai tempi del Coronavirus.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: