Ospedali toscani, raccolti finora 870mila euro. Tutti gli acquisti fatti

“A tutti i donatori va il mio sincero ringraziamento. Volti noti e persone comuni che hanno condiviso il messaggio che abbiamo lanciato sui social e hanno aderito con generosità alla nostra campagna ‘Sostieni gli ospedali della Toscana’, attraverso la quale, dal 19 marzo ad oggi abbiamo raccolto 870.000 euro. Noi vogliamo dare conto di come questi soldi vengono spesi. E rilanciare ancora la campagna. La Toscana è una comunità forte e solidale e altri toscani sicuramente raccoglieranno il nostro invito”.

Ieri pomeriggio l’assessore al diritto alla salute Stefania Saccardi è andata, assieme al direttore di Estar Monica Piovi, nella sede della Cross (Centrale operativa remota operazioni soccorso sanitario, la centrale per le maxiemergenze), dove è arrivato il materiale acquistato con le donazioni della campagna “Sostieni gli ospedali della Toscana”, lanciata da Regione e Estar il 17 marzo scorso.

Finora, sono stati raccolti, appunto, 870.000 euro. La campagna continua, chi vuole aderire può fare versamenti sul c/c bancario IT89 Z 05034 02801 000000005970 messo a disposizione da Estar, l’Ente di supporto tecnico amministrativo regionale, che fa gli acquisti per la sanità di tutta la regione.

Le donazioni sono state utilizzate per acquistare:

– 50.000 mascherine FFP2

– 10.500 tute alta protezione

– 15.000 occhiali di protezione

Inoltre era stato inizialmente previsto l’acquisto di ventilatori polmonari, ma non avendo avuto assicurazione del loro arrivo nei tempi concordati, è stato deciso di utilizzare il denaro raccolto per l’acquisto di 48 monitor multiparametrici, elementi indispensabili per monitorare il paziente in terapia intensiva, appena arrivati e in fase di collaudo da parte dei tecnici Estar, appunto nella sede della Centrale Cross di Pistoia; verranno poi distribuiti alle aziende sanitarie toscane.In questi giorni al magazzino Estar di Calenzano sono invece arrivate tute ad alta protezione e sono in arrivo mascherine FFP2 e occhiali di protezione.

“La generosità del popolo toscano – ha aggiunto l’assessore Saccardi – ci ha permesso di dare tanti strumenti e dispositivi ai nostri operatori sanitari, a cui va il mio grande e sincero ringraziamento per l’impegno che stanno mettendo tutti nel combattere il Covid-19”.

Con i nuovi contributi che si aggiungono quotidianamente potranno essere effettuati ordini per ulteriori Dpi (Dispositivi di protezione individuale) o apparecchiature da destinare agli ospedali toscani.

In tre settimane è stata una gara di solidarietà straordinaria, quasi 3.000 donazioni, provenienti da una grande varietà di donatori. Persone che hanno donato cifre ingenti, ma anche tantissimi cittadini che hanno dato quanto hanno potuto.

Ci sono grosse donazioni di privati, tante le associazioni di categoria e gli ordini professionali, onlus e associazioni di volontariato, aziende, associazioni sportive, culturali e ludiche, classi scolastiche, consiglieri regionali e l’associazione di ex-consiglieri regionali.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: