Oggi, QualcosadaFare ci porta alla scoperta del Comune di Quarrata, precisamente alla Fattoria Betti.

La cantina sorge agli inizi del ‘900 proprio a Quarrata, nel territorio del Montalbano, un piccolo angolo di Toscana che racchiude in se’, ancora intatti, tutti i nobili caratteri di queste antiche terre: le romantiche pievi e i piccoli borghi medievali dai profili turriti, le ampie distese di oliveti e vigneti, punteggiate qua e la’ da cipressi solitari, l’eleganza e il fasto delle ville medicee e le campagne laboriose, unite all’aleggiare discreto del genio di Leonardo da Vinci.
Le vigne della Fattoria Betti crescono in un terreno argilloso posto a 150-200 metri s.l.m e in prevalenza sono Sangiovese, Cabernet, Trebbiano, Canaiolo nero e Merlot.?

L’allevamento è a cordone speronato la lavorazione avviene mediante l’inerbimento parziale e i concimi organici.
L’uva, una volta matura, è tuttora raccolta a mano e selezionata minuziosamente.

I vini che prodotti nascono da una profonda passione che, unita all’orgoglio per lo splendido territorio, porta i proprietari a utilizzare tecnologie innovative senza tradire l’antica arte della vinificazione e ad impiegare in maniera non invadente il legno, al fine di preservare al meglio il frutto del vino.?

Il loro obiettivo? ?? ???????’! Produrre con la massima cura possibile un numero limitato di bottiglie, migliorandosi costantemente anno dopo anno.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: