Cosa sarà di loro?

Azzonzo.it ospita i versi del poeta Giovanni Catania, che ha scritto questo componimento dedicandolo a tutti coloro che, in questi giorni tremendi di emergenza, non hanno potuto avere un funerale. Quando la poesia diventa attualità.

 

Sarebbe così bello un giardino vagabondo
in tasca con il pane, e un sogno di cristallo
in testa con la panna

sarebbe così bello un funerale di campagna
sotto i grattacieli e nei cestini, coi panini,
un mazzo di sorrisi

Sarebbe così bello tutti con le maglie rosse
tanti con la pelle nera e i bambini divertiti
con gli amici in processione.

Invece qui con noi il mondo che non c’è
il sogno sempreverde nei rimpianti
Cenerentola che non trova più la scarpa.

Sarebbe così bello un participio giusto,
tutti insieme in un vecchio funerale
la banda, i fiori e la gente già distratta

ma tutto è già passato
direi non pervenuto!

 

Giovanni Catania

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: